“Il ringiovanimento del volto con la tecnica dei fili”

Suggested by SMS

“BELLEZZA APPESA AD UN FILO”

Uno dei principali obiettivi della medicina e chirurgia estetica mini-invasiva è il ringiovanimento del volto, dove il passare degli anni lascia segni di alterazioni tessutali e metaboliche, come rughe, perdita di elasticità e tono della cute, patologie estetiche legate alla quantità, qualità e sede del tessuto adiposo: i “fili di sostegno” rappresentano una nuova metodica di trattamento.

fili

La chirurgia estetica è cambiata, oggi si chiede di migliorare ma non trasformare, correggere senza demolire, rispettando l’espressione e l’armonia del volto. Di attualità sono gli interventi con “fili chirurgici di sospensione, sostegno e biostimolazione” per il “ringiovanimento soft del volto”, eliminando pieghe ed eccessi  cutanei che indicano il passare degli anni.

Con “Bellezza appesa a un filo”si intende un’innovativa metodica che si avvale di sottilissimi fili chirurgici spinati riassorbibili che agiscono da tensori quando vengono   inseriti  sotto la pelle, riposizionando i tessuti ed eliminando pieghe e inestetismi, funzionando anche da freno alla gravità. La tecnica viene eseguita in anestesia locale e, in molti casi, senza bisogno di anestesia, offrendo una strategia mini invasiva utilissima nella maggior parte dei casi, con risultati sono  immediati che si consolidano in  30-40 giorni, che è il tempo necessario al tessuto connettivo per recuperare la  migliore struttura e posizione.

In questo periodo i fili creano una fibrosi controllata che favorisce  la retrazione tessutale ed il riposizionamento naturale dei tessuti, nello stesso tempo favoriscono una rigenerazione del collagene ed una rivitalizzazione tessutale: in sintesi un ringiovanimento sia dell’aspetto che della struttura.  Nei casi indicati è possibile associare lipofilling con tessuto adiposo o acido ialuronico, oppure fare trattamenti con microinnesti cutanei e laser per stimolare le proprie cellule staminali. Si tratta di un rivoluzionario approccio mini-invasivo che permette di ridurre i segni dell’invecchiamento con ridotte cicatrici o senza cicatrici.

Il riposizionamento spaziale dei tessuti dei tessuti permette un miglioramento fisiologico delle reazioni ossigenative di cellule e mitocondri, facendo divenire la metodica un vero trattamento di “Biorivitalizzazione”.

La tecnica “Fill Traction” si propone di ottenere buoni risultati di rimodellamento e ringiovanimento del volto e del collo con l’utilizzazione di fili assorbibili in “PDO-polidiossanone” con metodiche che evitano scollamenti tessutali e convalescenza, usando nella stessa sessione anche metodiche di correzione dei volumi zigomatici.

Dopo 10 anni, anche con la valutazione di vantaggi e complicazioni, la nostra esperienza con questo protocollo si è evoluta  dimostrando soddisfacenti risultati sia nell’aspetto esteriore che nella diminuzione delle alterazioni vascolari e metaboliche tipiche dei processi d’invecchiamento.

Questo tipo di strategia nacque negli USA negli anni novanta e il nostro “Centro di Patologie Estetiche di Arezzo” divenne il primo centro di eccellenza per la formazione, mentre le varie esperienze aprivano altre indicazioni, come il trattamento della lassità cutanea delle braccia, il sollevamento non chirurgico del gluteo e la tonificazione della cute della coscia, dell’addome o del seno.

In casi selezionati, è possibile “sollevare il gluteo” senza ricorre a protesi, utilizzando alcuni fili che passano in profondità creando canali di trazione, a cui si associano altri fili che ristrutturano il tessuto e modellano la silhouette. Questi fili non aumentato la misura e la taglia, per questo occorre una protesi, ma nei casi selezionati è possibile avere buoni risultati associando fili di sospensione e sostegno con lipofilling o acido ialuronico.

L’utilizzazione dei fili di sostegno nella giusta metodologia, in più sessioni, talvolta associati a piccole incisioni ed asportazioni cutanee, può costituire una via seria e mini invasiva per molti pazienti che richiedono di ringiovanire il proprio volto e la propria espressione.

La chirurgia estetica mini invasiva è una nuova, seria, sicura e corretta realtà chirurgica che permette di evitare vere complicazioni pur con la garanzia di buoni risultati, ma sempre nelle giuste indicazioni, essa offrire indubbi vantaggi in molte indicazioni ed è insostituibile se intesa come una strategia che permette di rallentare i processi ed i segni di invecchiamento, quindi utilizzata prima di raggiungere il tempo delle forbici.

E’ una metodologia da utilizzare quando il paziente inizia a guardarsi allo specchio e a notare che, mentre gli anni passano, il sorriso diminuisce. Questo è il tipico momento in cui le dita vanno involontariamente a riposizionare i tessuti per ritrovare la propria armonia giovanile.